Visualizzazione post con etichetta email. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta email. Mostra tutti i post

Yahoo, rubati i dati di oltre 1 miliardo di utenti

Dopo il catastrofico cyber-attacco di settembre, Yahoo ha rivelato un nuovo attacco hacker, ma questa volta i dati rubati riguardano oltre 1 miliardo di utenti.

Il furto di dati rivelato in queste ore è avvenuto durante agosto 2013: oltre 3 anni fa. Tuttavia, non è noto quando il colosso statunitense abbia scoperto dell'attacco. Ovviamente gli hacker non si sono limitati a rubare i dati anagrafici ed email, ma sono riusciti ad ottenere praticamente ogni informazione, come password, domande di sicurezza, indirizzi email, date di nascita, numeri di telefono, ecc.

Mentre il precedente attacco è stato imputato ai cyber-criminali collegati al governo russo e a quello cinese, in questo caso non ci sono ancora informazioni concrete in merito.

Si tratta dell'ennesima batosta per Yahoo che ha perso più del 2% a Wall Street. Ma è un colpo ancora più duro per gli utenti che sono le vere vittime di questi attacchi. Non trascurate inoltre le 6 buone regole per proteggere i PC aziendali dai cyber-attacchi che stanno diventando sempre più numerosi e pericolosi.

Email Violate – Ennesimo caso di Cyber criminalità!

Hold Security è la fonte che rilascia questa notizia. Milioni di account e-mail sono stati violati da cyber criminali. Tra gli account, anche Gmail, Microsoft e Yahoo.


Sembrerebbe proprio che questo sia il furto di credenziali più grande dall’avvento di internet subito dopo il cyber attacco che due anni fa ha colpito le banche statunitensi.


account mail rubati


Per tutti coloro che non conoscono Hold Security, li sarà utile sapere che è un’azienda specializzata in sicurezza informatica.
 Durante gli scorsi anni Hold Security ha svelato e sventato numerosi attacchi del genere. Questa volta sembrerebbe che si siano accorti del problema una volta trovato l’hacker su un forum impegnato a vantarsi e rivendere gli account a 0,65 Euro/Cent.

Una volta scovato l’hacker non è stato difficile per loro ottenere i dati senza pagarli alcun centesimo.
Dai dati rilevati sono riusciti a risalire a quella che è la situazione attuale:
-         - 57 milioni di account legati a mail.ru sono stati rubati, considerando che il servizio ne ha 64 milioni attivi, sono numeri importanti.
-         -  40 milioni di account a Yahoo Mail
-         -  33 milioni di account a Hotmail
-         -  24 milioni di account a Gmail

Queste cifre sicuramente non ci lasciano indifferenti, anzi ci danno seriamente da pensare.
Mail.ru in sua difesa ha rilasciato una dichiarazione, chiedendo di pazientare ai propri utenti cosi da avviare una procedura di controllo per verificare se erano account mail attivi. La Microsoft invece ha spiegato che sicuramente nel loro caso erano tutti account disattivi o bloccati, ribadendo che le loro misure di sicurezza sono più che sufficienti a proteggere i loro utenti. 
Google e Yahoo invece non rilasciano commenti di alcun tipo sul cyber scandalo mail.


Io credo che dopo questa vicenda sia meglio che ogni uno di noi riveda un attimo le proprie credenziali di accesso, cercando di renderle quanto più longeve e complesse possibili, cambiandole almeno una volta al mese. 

In questa maniera non abbiamo comunque la sicurezza di essere completamente fuori pericolo, ma di sicuro sarà di gran lunga molto più difficile che un hacker ce le rubi.