Visualizzazione post con etichetta PMI. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta PMI. Mostra tutti i post

Il 73% degli italiani naviga su Internet: un ottimo motivo per "digitalizzare" la tua azienda

Stando al cinquantesimo rapporto Censis la percentuale di Italiani che navigano abitualmente su Internet è aumentata significativamente. Ciò significa che ora più che mai, per un'impresa è essenziale essere presenti sul Web.

GLI ITALIANI CONNESSI: QUANTI SONO E COSA FANNO?


Si tratta del periodo ideale per "presentarsi sul Web" e sfruttarne tutte le potenzialità, questo perché, nel 2016 gli Italiani connessi rappresentano il 73,7% della popolazione. Quando si parla di under 30, la percentuale delle persone connesse è del 95,9%.

Stando al rapporto del Censis, le principali attività che gli italiani svolgono sul Web sono: informazione, intrattenimento (film e calcio), prenotazione di viaggi e vacanze, svolgere operazioni bancarie online e contattare la pubblica amministrazione

PUBBLICITÀ ACCESSIBILE SU INTERNET 


Fino a qualche anno fa, la pubblicità era quasi off-limits per una PMI. Questo perché i media tradizionali (TV, Radio, Quotidiani, ecc) hanno tutt'ora costi proibitivi. Tuttavia, sul Web la situazione è totalmente diversa, infatti è possibile pubblicizzare un prodotto, un servizio o un'azienda con costi relativamente bassi.

Grazie ad Internet, con le corrette abilità e strategie, è possibile fare breccia nel cuore e nelle menti degli italiani connessi che, lo ribadiamo, rappresentano più del 70% della popolazione.

LE ATTIVITÀ FONDAMENTALI PER UNA PMI CHE VUOLE DIGITALIZZARSI


Innanzitutto, le piccole e medie imprese devono necessariamente creare una propria entità sul Web. Mentre l'e-commerce è indicato solo per alcune tipologie di aziende, il sito aziendale con tutte le informazioni principali dell'azienda è a dir poco essenziale. Successivamente, è importante presentarsi sui social network in modo da avvicinarsi ancor più ai clienti e alle altre aziende.  

Tuttavia, queste operazioni devono essere fatte da professionisti del settore. Infatti, un sito aziendale fatto male, un profilo social poco curato o una campagna marketing studiata male, possono tradursi in un enorme spreco di denaro e, nel peggiore dei casi, potrebbero ledere all'immagine dell'azienda.

I VANTAGGI DI UN SITO E-COMMERCE DI VINO


Negli ultimi anni le PMI che utilizzano internet attivamente sono cresciute velocemente e hanno aumentato il loro fatturato.
Attraverso i motori di ricerca le aziende hanno la possibilità di essere raggiunte da milioni di utenti, un potenziale economico che fino a una decina di anni fa era impensabile.
La grande novità dell’e-commerce ha introdotto la rivoluzione della vendita, trasformando i vecchi canali come il negozio tradizionale e il ″door to door ″.
Oggi grazie all’utilizzo dei dispositivi mobile possiamo effettuare un  acquisto comodamente seduti sul divano di casa, in qualsiasi momento della giornata e ovunque siamo. Cerchiamo quello che ci serve utilizzando i motori di ricerca o i social network,  condividiamo  la nostra esperienza e il grado di apprezzamento su quello che acquistiamo. Questo nuovo modo di ″passa parola″ raggiunge e coinvolge persone che vivono lontanissime fra loro.
L’Italia è uno degli Stati che in tutto il mondo si contraddistingue per la produzione di prodotti di qualità in food & beverage. Made in Italy è sinonimo di eccellenza e qualità.

Vendere il vino online  

Avere un sito e-commerce di vino consente di:
  • far conoscere il proprio prodotto a persone lontane dal proprio contesto locale, potendo così internazionalizzare la propria azienda con una spesa minima di investimento;
  • essere sempre aperti H24, senza costi aggiunti;
  • raggiungere specifiche nicchie di mercato;
  • attraverso le newsletter è possibile proporre offerte periodiche ai consumatori che sono già clienti.

Da uno studio commissionato da Google a Doxa si evince che nei prossimi mesi l’e-commerce registrerà, a livello generale, una crescita del 17% raggiungendo un valore di 13,2 miliardi di euro, inoltre, tra i prodotti Made in Italy, il settore enogastronomico crescerà del 5,2% (Internet Export Report di Google-Doxa).

Durante lo Smau di Milano 2016 svoltosi dal 24 al 26 ottobre, sono stati molti gli espositori che hanno trattato l’argomento e-commerce e internazionalizzazione d’impresa.
Punto comune di ogni workshop che ha trattato i temi sopracitati è stato quello della rivoluzione digitale come fattore di opportunità per le aziende di accrescere il proprio fatturato, riducendo i costi di gestione e aprendosi ai mercati prima difficili da raggiungere senza la vendita online.
Avere oggi un e-commerce consente di aumentare le proprie possibilità di guadagno e raggiungere un numero vastissimo di clienti che vivono dall’altra parte del globo terrestre. Permette di avere una vetrina completa di tutti i propri prodotti, schede dettagliate per ognuno di questi, e la possibilità da parte dell’utente di effettuare l’acquisto con tranquillità, potendo ponderare il prodotto più adatto alle proprie esigenze o ridurre il tempo di acquisto in pochi secondi con un semplice click. 
Fonti: SmauMilano2016; Internet Export Report di Google-Doxa.

L’Innovazione digitale rappresenta un importante fattore di sviluppo per le PMI, per innovare processi e prodotti, migliorare la relazione con il mercato e spingere l’internazionalizzazione.
Ed in questo Valves è il miglior partner di sviluppo!

Per maggiori informazioni visita il nostro sito www.valvesonline.it o chiama il nostro call center al 800.99.20.60

DIGITALIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI: STABILITA LA QUOTA DI FINANZIAMENTO



PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ” 2014/2020

La digitalizzazione dei processi aziendali permette di collegare in modo digitale la comunicazione e i processi aziendali sia interni che esterni.
Il decreto del 7 Luglio 2016 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 19 ottobre 2016 il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha stabilito l'ammontare delle risorse per il «Voucher» a favore delle micro, piccole e medie imprese per la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico. La quota di finanziamento destinata alle misure per favorire la digitalizzazione dei processi aziendali e l'ammodernamento tecnologico delle micro, piccole e medie imprese a carico del Programma “PON Imprese e competitività” 2014/2020 è di € 32.543.679.
Le risorse saranno ripartite tra le regioni appartenenti alle categorie “meno sviluppate” e “in transizione” quali:
- Abruzzo,
- Molise,
- Campania,
- Puglia,
- Basilicata,
- Calabria,
- Sicilia,
- Sardegna.

Per quanto riguarda le altre regioni, il decreto prevede che l'individuazione delle restanti risorse necessarie per la realizzazione delle misure di digitalizzazione, a valere sulle risorse del Fondo sviluppo e coesione, saranno oggetto di apposita delibera CIPE che ne definirà il valore complessivo e le modalità di ripartizione.

L’Innovazione digitale rappresenta un importante fattore di sviluppo per le PMI, per innovare processi e prodotti, migliorare la relazione con il mercato e spingere l’internazionalizzazione. Ed in questo Valves è il miglio partner di sviluppo!
Per maggiori informazioni visita il nostro sito www.valvesonline.it o chiama il nostro call center al 800.99.20.60